Come scegliere il televisore di casa?

Devi acquistare un nuovo televisore per il salotto di casa? Non sai come orientarti tra le nuove tecnologie e temi di spendere troppo? In effetti, al giorno d’oggi, con le tecnologie Plasma, LCD, LED, OLED e QLED è facile perdere la bussola. Sono numerosi, in effetti, i parametri da valutare, tra cui risoluzione dello schermo, dimensioni, collegamenti e così via. Eccoti dunque alcuni pratici consigli per scegliere una tv tramite questa utile guida.

1. La tecnologia
Oggi le più utilizzate sono LED, OLED e QLED. I televisori LED hanno un costo inferiore e, rispetto ai monitor LCD, oggi sempre meno utilizzati, vantano una miglior efficienza energetica, un peso inferiore e neri più profondi.
I televisori OLED sono ancor più sottili dei monitor LED e vantano anche colori più brillanti, un maggior contrasto e un refresh rate più alto. I monitor QLED utilizzano meccanismi simili rispetto ai monitor LED, ma presentano una maggior naturalezza nei contrasti.

2. Dimensioni
La dimensione del monitor va scelta in base alla distanza di visione. In linea di massima se la distanza è compresa tra i 2 metri e i 2 metri e mezzo è sufficiente un 30-40 pollici, mentre conviene orientarsi verso un 40-50 pollici per distanze fino a 3 metri. Se la distanza di visione, infine, è superiore ai 3 metri si può optare per un monitor di 50-60 pollici.

3. La risoluzione
Oggi il meglio sul mercato è rappresentato dai televisori Full HD (o 1080p) e 4K o Ultra HD. I primi sono diffusi già da tempo e vantano quindi un prezzo più basso, mentre l’ultra HD o UHD può vantare una risoluzione di circa 4 volte superiore rispetto a quella di un monitor Full HD. Perché optare per un monitor 4K? Si tratta della tecnologia del futuro, grazie a cui poter visualizzare video realizzati in 4K con lo smartphone o l’actionCam, giocare con la Ps4 Pro o godere dei contenuti sportivi in 4K. Si tratta sostanzialmente di un investimento sul futuro che vi consigliamo caldamente.

4. Smart TV
Cos’è una Smart TV ed è davvero costì indispensabile? Sostanzialmente, in breve, si tratta di un collegamento tra internet e un monitor TV tradizionale che consente così di navigare in rete e vedere contenuti in streaming, sfruttando per esempio Netflix, Infinity TV o Amazon Prime Video.

5. Il suono
Per godere appieno del suono consigliamo di acquistare una soundbar di qualità per poter gestire il suono nel migliore dei modi.

6. Collegamenti
Oggigiorno le porte HDMI e USB sono indispensabili per poter utilizzare al meglio il proprio monitor TV. Vale la pena anche verificare dove sono situate queste porte, se laterali agevolano di molto l’operazione di collegamento tra il TV e i dispositivi esterni. VGA e prese SCART oggi non sono più necessarie a meno di non possedere un vecchio DVD o registratore che volete continuare ad adoperare.

Altri aspetti da considerare potrebbero essere:

– il refresh rate, che indica la velocità con cui l’immagine a video viene aggiornata. Tale parametro è importante se preventivate di utilizzare il monitor TV per il gaming
– la predisposizione per il digitale terrestre, ormai obbligatoria. Vale la pena però di verificare il protocollo di gestione, che dovrà essere DVBT-2 per essere compatibile con il nuovo standard
consumo energetico, per evitare un alto dispendio di energia è meglio orientarsi verso i modelli di classe superiore

Loading...
CONDIVIDI