Estrattori di succo, le caratteristiche più importanti

Estrattore di succo o centrifuga? Se avete ancora dubbi in proposito, sappiate che i due elettrodomestici permettono di ottenere prodotti simili. Quello che cambia è la modalità con cui la spremitura avviene. Nel caso dell’estrattore, infatti, la spremitura avviene a freddo – con movimenti lenti – e ciò garantisce una qualità superiore del prodotto ottenuto.

Nel caso della centrifuga – ma anche del frullatore – invece, durante la fase di rotazione, si raggiungono alte temperature che possono distruggere gli enzimi e le vitamine contenute in frutta e verdura. Sempre per lo stesso motivo, tra l’altro, consumare la frutta e la verdura crude o poco cotte permette di assumere un maggior quantitativo di vitamine, che non vengono eliminate durante la cottura.

Gli estrattori di ultima generazione funzionano a 40 giri al minuto e ciò consente una maggior preservazione delle proprietà nutritive di frutta e verdura. La polpa e il succo vengono separati in due contenitori diversi. La polpa, poi, può essere riutilizzata, anziché buttata, per alcune gustose ricette, dai biscotti ai ghiaccioli fatti in casa.

Ciò detto, quali sono le caratteristiche a cui bisogna prestare maggior attenzione nel momento in cui si decide di acquistare un estrattore di succo a freddo? Oltre alla velocità di funzionamento (i giri al minuto a cui abbiamo già fatto cenno), c’è una serie di optional e caratteristiche a cui fare attenzione. Ecco alcune idee utili.

  • Innanzitutto è bene acquistare un prodotto di marca ben nota, che possa offrire garanzie anche dal punto di vista dell’assistenza post vendita. Importante è anche, sotto questo aspetto, il luogo di acquisto. Se si sceglie di acquistare on line, è bene verificare con attenzione le garanzie e le modalità di acquisto/restituzione.
  • Il prodotto dovrebbe essere maneggevole e occupare poco spazio. Dovrebbe essere agevole da smontare e di facile manutenzione.
  • Importantissima è la facilità di pulizia del prodotto. Alcuni estrattori possono essere piuttosto complicati da pulire alla perfezione e possono richiedere molto tempo per un’igiene completa.
  • È bene verificare quali tipi di frutta e verdura possono essere utilizzati con l’estrattore di succo. Generalmente gli estrattori permettono di spremere frutta e verdura a pasta morbida (come kiwi e pomodori) e a pasta dura (come mele e sedano) e, al tempo stesso, verdura a foglia (come gli spinaci). Vale comunque la pena di verificare attentamente anche questo aspetto.
  • Infine, il rumore. Generalmente gli estrattori di succo sono poco rumorosi, ma è bene sapere che non sono totalmente silenziosi, come può esserlo uno spremiagrumi non automatico.

Considerato ciò, uno degli estrattori di succo ad oggi migliori sul mercato è il Juicepresso, prodotto da Coway. Il suo punto di forza è la facilità di pulizia. Non ci sono parti da smontare e per pulire efficacemente il prodotto è sufficiente versare uno o due bicchieri d’acqua nell’estrattore, seguendo attentamente le istruzioni fornite dal produttore.

Loading...
CONDIVIDI