Mac, come scegliere i migliori monitor

Numerosissimi sono i modelli di monitor per Mac in commercio, con caratteristiche (e costi) molto diversificati tra loro. Prima di acquistare un monitor per il proprio Mac, in ogni caso, è bene valutare attentamente una serie di fattori, tra cui tecnologie, certificazioni e standard di riferimento. Soltanto in questo modo sarà possibile fare un acquisto consapevole e di cui non ci si pentirà in futuro!

Vediamo, dunque, nel dettaglio le caratteristiche a cui bisogna prestare maggiore attenzione.

  • Gli spazi colore: leggendo attentamente le schede tecniche dei monitor per Mac ci si renderà conto che sono sempre riportati dei diagrammi di cromaticità che mostrano lo spazio colore gestito dal monitor. Questi diagrammi permettono di capire le tonalità che il monitor è in grado di gestire e, dunque, riprodurre. I monitor di fascia di prezzo più alta generalmente offrono intervalli di tonalità più elevati.
  • La calibrazione: la resa del colore sul monitor dipende, com’è noto da moltissimi fattori, tra cui la scheda video e l’illuminazione dell’ambiente. Ad ogni modo OS X consente di calibrare il monitor attraverso dei profili personalizzati in modo da gestire nel miglior modo possibile la riproduzione del colore su schermo.
  • Tecnologia dei pannelli: fa riferimento alla tipologia di cristalli liquidi e al meccanismo di illuminazione del monitor. Questi parametri influiscono direttamente sulla qualità dei colori riprodotti a video, per cui vale la pena di esaminare attentamente questi valori. I monitor sono essenzialmente di due tipo: Tn (Twisted Nematic) e Ips (In Plane Switching). La prima è una tecnologia più economica che presente una frequenza di aggiornamento generalmente superiore a quella della controparte, quindi utile per esempio durante i giochi. I monitor con tecnologia di pannelli Ips, invece, più costosi, raggiungono una copertura del 99% dello spettro sRGB, quindi permettono di riprodurre in modo più preciso i colori.
  • Consumi e certificazioni: da valutare anche i consumi energetici e, soprattutto, le certificazioni a corredo che garantiscono il rispetto di specifiche normative riguardanti i materiali utilizzati.
  • Supporto a risoluzioni elevate: per quanto riguarda, invece, le risoluzioni elevate, soprattutto in caso di utilizzo professionale del prodotto, vale la pena individuare quali sono i migliori schermi per Mac con risoluzione 4k e 5k. Ad esempio la risoluzione 3840*2160 è supportata dai seguenti prodotti: MacBook Pro, MacBook Pro, Mac Pro, iMac, MacBook Pro, MacBook Air. Da valutare allo stesso tempo i monitor DisplayPort con risoluzione 4k, che sfruttano la tecnologia Single-Stream Transport, con frequenza di aggiornamento predefinita di 30 Hz o 60 Hz. Alcuni monitor per Mac con risoluzioni superiori a 4K necessitano di due cavi DisplayPort per il collegamento del display e l’utilizzo alla massima risoluzione.