Come recuperare file cancellati da PC

Per sbaglio hai rimosso file molto importanti dal computer? Poco male! Per fortuna, esistono diversi metodi utili per recuperare file cancellati da PC.

Tutto ciò che occorre è uno dei numerosi software appositamente creati che, nella maggior parte dei casi, non richiedono neppure conoscenze informatiche particolari. Ecco di seguito una cernita dei più efficaci e facili da usare.

Recuva

Recuva è un software utilizzabile soltanto sui computer equipaggiati con sistema operativo Windows. Una volta aperto il programma, basterà selezionare la categoria cui appartenevano i file cancellati per errore, scegliendo tra: Musica, Immagini, Video, Documenti, Email e File Compressi.

Una volta terminata la scansione, sarà sufficiente cliccare sui file desiderati e confermare l’operazione. È importante ricordare che possono essere recuperati soltanto i file contrassegnati dall’icona verde.

Quelli che di fianco hanno l’icona arancione potrebbero essere danneggiati e quindi inutilizzabili, mentre quelli con l’icona rossa sono sicuramente irrecuperabili. Se la scansione non dovesse riuscire ad individuare i file desiderati, allora sarà possibile ritentare cliccando sul tasto “Scansione Approfondita“.

Questa opzione passa in rassegna tutta la memoria del PC e impiega più tempo rispetto alla scansione standard. La buona notizia è che grazie a questo metodo sarà più facile individuare e ripristinare i file cancellati per errore.

Lazesoft Mac Data Recovery

Questo software rappresenta la scelta migliore per chiunque è solito utilizzare un Mac. Consente di recuperare file dall’hard disk del computer, ma anche dai vari supporti di memoria esterna.

È facile da usare ed estremamente efficace. Basta essere coscienti del fatto che nessun programma è in grado di fare miracoli, che in sostanza vuol dire che se un file è stato sovrascritto in seguito alla sua cancellazione, sarà comunque impossibile ripristinarlo.

Dopo aver avviato Lazesoft Mac Data Recovery, è necessario selezionare la voce relativa al disco dal quale recuperare i file e cliccare sul tasto “Finish”.

A scansione terminata, sarà necessario espandere la cartella Lost File Results e selezionare la categoria di file che si vuol passare in rassegna.

In seguito, basterà apporre il segno di spunta di fianco ai nomi dei dati da recuperare, cliccare su Save Files e selezionare la cartella nella quale salvare i file.

Ovviamente, anche in questo caso, non tutti i file segnalati come recuperabili saranno integri. Cosa vuol dire? Che una parte dei dati ripristinati non sarà comunque utilizzabile. Per evitare brutte sorprese il consiglio è evitare i file troppo leggeri.

Recuperare file cancellati da PC con EaseUS Data Recovery Wizard

Questo programma è disponibile sia per Windows che macOS e consente di recuperare ogni genere di file da SSD, hard disk, ma anche da dispositivi come USB, memory card, smartphone, fotocamere e altri supporti di memoria esterna.

In genere, funziona anche nelle situazioni più disperate: dischi danneggiati o, peggio, formattati; partizioni eliminate; dispositivi attaccati da virus e malware.

È un sistema particolarmente intuitivo e presenta un’interfaccia localizzata anche in italiano. La versione gratuita del programma consente di recuperare un massimo di 500 MB di dati sensibili, mentre quella a pagamento non impone alcuna limitazione.

Per recuperare i file cancellati, è sufficiente cliccare sull’icona dell’unità da cui recuperare i dati (oppure sull’icona del cestino, se i file sono stati cancellati tramite il cestino di Windows) e fare click sul tasto “Scansione”. Una volta terminata la scansione, sarà sufficiente spuntare le caselle situate di fianco ai file da ripristinare.

PhotoRec

PhotoRec è uno dei programmi più potenti in circolazione, essendo in grado di recuperare file anche da dischi non più accessibili o seriamente danneggiati. Una volta avviato il file eseguibile qphotorec_win.exe, si aprirà un’interfaccia molto semplice, all’interno della quale selezionare il disco su cui tentare il recupero dei dati perduti.

L’utente dovrà poi selezionare la cartella in cui salvare i file ripristinati, quindi avviare la scansione del disco premendo sul tasto “Search”. Il software si avvierà effettuando il recupero di tutti i file cancellati e non ancora sovrascritti.

È bene sottolineare come quest’operazione possa prendere anche molto tempo. In alcuni casi può impiegare più di 4 ore, pertanto il consiglio è di avviare la scansione durante le ore notturne, in modo da poter visualizzare i risultati al mattino.

Al termine delle ricerche, i file recuperati saranno già presenti all’interno della cartella indicata in precedenza, pronti per essere conservati sul PC o spostati in un’unità esterna. Il software è in grado di recuperare foto, video, documenti e tanto altro ancora.

Loading...
CONDIVIDI